Descrizione

Teologia morale: La legge

Obiettivi

La nozione di legge è una nozione pienamente teologica. Come qualsiasi cosa che riguardi l’uomo, anche la legge deve essere colta secondo il modello circolare exitus-reditus, secondo cui, nella Summa, qualsiasi evento umano, qualsiasi agire dell’uomo e l’uomo stesso non possono essere colti nella loro più profonda verità se non collocati in un procedere storico, che è la storia della salvezza alla cui origine vi è Dio, da cui tutto viene, e al cui apice sta Dio, al quale tutto torna. Ed è per questa ragione che la nozione teologica di legge non può essere esaurientemente comprensibile se non intesa come una legum diversitas, come cioè leggi diverse che si tengono fra loro vitalmente insieme. Vi è, infatti, una legge eterna, che è l’eterna volontà di Dio; una legge naturale, in cui si notifica parte di questa legge eterna proveniente da Dio; una legge fatta dall’uomo, che – se vuole avere tutti i crismi della legge – non può contraddire né le precedenti leggi (eterna e naturale), né la legge posta da Dio nella storia, cioè l’Antico e il Nuovo Testamento. Anche in questo caso, com’è facile scorgere, siamo dinanzi a una circolarità exitus-reditus: una legge che viene da Dio, quella eterna, e che ritorna a Dio per il tramite della legge che Dio ha posto nella storia, che non è altro che la legge della grazia, la legge nuova della carità.

Programma

Durante il corso si tratteranno i seguenti temi:

1. Il punto di partenza della riflessione dell’Aquinate: i concetti di ius e di lex.

2. La lex æterna.

3. La lex naturalis.

4. La lex positiva divina e umana.

5. Questioni disputate.

Docente

Fausto ARICI

Bibliografia

Tommaso d’Aquino, Summa Teologica, I-II, qq. 90-108; De Bertolis O. – Todescan F., Tommaso d’Aquino, CEDAM, Padova 2003; Carbone G.M., Morale della legge: la legge senza timore, ESD, Bologna 2020.