Descrizione

Patrologia – Storia della Chiesa Antica. La teologia nei primi quattro secoli. Il Commentario di san Girolamo all’Ecclesiaste. Esegesi e storia delle fonti

Obiettivi

Il corso intende introdurre alla tecnica esegetica patristica e alla comprensione dei metodi delle diverse scuole, cui Girolamo ha fatto riferimento nella sua produzione di commentari scritturistici. Gli allievi potranno cogliere l’interesse letterario e spirituale di Girolamo nei confronti del testo sacro e saranno invitati a risalire ai modelli e alle fonti da lui stesso utilizzate, con particolare attenzione alla presenza decisiva di Origene.

Programma

Dopo un’introduzione generale all’esegesi patristica e al rapporto fra Girolamo e Origene, si analizzerà l’evoluzione della tecnica esegetica geronimiana in relazione al Commentario all’Ecclesiaste (CPL 583). Questo commento biblico, composto verso il 389, è il primo lavoro esegetico di Girolamo su un intero libro veterotestamentario. Egli stesso nel Praefatio afferma di non aver «seguito l’autorità di nessuno, ma traducendo dall’ebraico» di essersi «adattato il più possibile al testo abitualmente utilizzato dai Settanta traduttori, per lo meno in quei passi in cui non differivano molto dall’ebraico». Possiamo leggere fra le righe di questo testo il formarsi della figura autonoma di Girolamo come esegeta, che, poggiandosi sulla fedeltà al testo ebraico, assume una posizione critica verso quelli che erano stati i fondamenti della sua iniziazione al testo sacro, cioè le versioni greche e Origene (anche se nel testo citato non viene esplicitamente menzionato). Se nel prologo al commento all’Ecclesiaste Girolamo afferma di non aver seguito l’autorità di nessuno, in realtà dipende profondamente da Origene, come egli stesso ammette nell’Ep. 84, 2. La nostra indagine intende far emergere le fonti utilizzate dal monaco di Betlemme per approntare la sua esegesi, che risulterà – come in altre composizioni geronimiane – un’opera eclettica, prevalentemente ispirata a Origene. Il testo del Qoelet, poi, con il suo tono ammonitore permette a Girolamo un’interpretazione moralmente utile senza staccarsi dalla lettera: potremo osservare la custodia costante dei due livelli interpretativi nel corso dell’intero commentario, ponendo in luce che il piano spirituale si riferisce sia al singolo individuo che alla Chiesa.

Docente

Sincero MANTELLI

Bibliografia

Bibliografia

Hieronymus, Commentarius in Ecclesiasten, a cura di Adriaen M., Turnhout 1959 (CCSL 72); Id., Commentarius in Ecclesiasten, a cura di Birnbaum E. – Margoni-Kögler M., Berlin-Boston 2014 (CSEL extra seriem); San Jeronimo, Comentario all’Eclesiastés (Biblioteca de Autores Cristianos 4), a cura di Herrera Garcia R.M., Madrid 2006; St. Jerome, Commentary on Ecclesiastes (Ancient Christian Writers 66), a cura di Goodrich R.J. – Miller D.J.D., New York 2012; Jerónimo, Comentario al Eclesiastés: Introducción, traducción y notas (Biblioteca de Patrística 64)., a cura di Boira Sales J., Madrid 2004; Girolamo, Commento all’Ecclesiaste (Opere di Girolamo), a cura di S. Mantelli, in preparazione; Moreno Garcia A. – Boira Sales J., «Fuentes y contenido teológico del Comentario a Qohélet de S. Jerónimo», in Annali di Storia dell’Esegesi 14(1997)2, 443-475; Canellis A., «Le recours aux poètes latins dans le Commentaire sur l'Ecclésiaste de saint Jérôme», in Latomus 75(2016), 156-179; Id., «Laetare, Israel. Relecture de l’histoire d’Israel dans le Commentaire sur l’Ecclésiaste de saint Jérome», in Revue de sciences religieuses 91(2017)2, 159-175; Leanza S., L’esegesi di Origene al libro dell’Ecclesiaste, Reggio Calabria 1975; Id., L’Ecclesiaste nell’interpretazione dell’antico cristianesimo, Messina 1978; Id., «Sulle fonti del Commentario all’Ecclesiaste di Girolamo», in Annali di storia dell’esegesi 3(1986), 173-199; Id., «Le tre versioni geronimiane dell’Ecclesiaste», in Annali di storia dell’esegesi 4(1987), 87-108; Mantelli S., «Tacui sciens tempus esse lacrimarum. Girolamo legge Roma e la sua caduta alla luce della Scrittura», in Hieronymus Romanus. Studies on Jerome and Rome on the Occasion of the 1600th Anniversary of his Death, I. Schaaf, Turnhout 2021, 397-438 (IPM 87); Penna A., Principi e caratteri dell’esegesi di S. Gerolamo, Roma 1950; Simonetti M., Lettera e/o allegoria. Un contributo alla storia dell'esegesi patristica, Roma 1985.

Ulteriore bibliografia e testi saranno offerti durante le lezioni.