Descrizione

Liturgia: Sacramento della Riconciliazione, Unzione degli infermi, Ordine sacro, Matrimonio

Obiettivi

Il Catechismo della Chiesa Cattolica presenta una divisione dei sacramenti in tre grandi parti: sacramenti di iniziazione, guarigione e comunione. Questo corso offre allo studente un approfondimento dei sacramenti di guarigione (riconciliazione ed unzione degli infermi) e dei sacramenti di comunione (ordine e matrimonio) dove sono considerate ed analizzate le fonti bibliche, patristiche e liturgiche, la storia della loro celebrazione nella liturgia occidentale, con riferimenti alla prassi delle Chiese orientali. Saranno approfonditi temi di teologia liturgica con riferimento ad altre discipline teologiche. Particolare attenzione sarà dedicata alla riforma celebrativa del concilio Vaticano II ed alla sua applicazione, analizzando i Praenotanda e i rituali attuali, con particolare attenzione alla ars celebrandi fedele all’antico assioma: «lex orandi, legem statuat supplicandi».

Programma

Penitenza

  1. Prassi liturgica della Chiesa antica fino al concilio di Trento: la prassi antica, la confessione nelle comunità monastiche, la nascita della penitenza tariffata. La penitenza moderna. Il sacramento della penitenza nella riforma e nel concilio di Trento: sua specificità, struttura, elementi costitutivi, effetti e ministro del sacramento della penitenza.
  2. La riforma del Vaticano II e il Nuovo Rito della Penitenza: suddivisioni e elementi costitutivi.
  3. Analisi delle Premesse al Nuovo Rito della Penitenza. Prassi celebrativi e prospettive di liturgia pastorale.

Unzione degli infermi

  1. Questioni introduttive. L’incontro salvifico di Gesù con i malati, come si manifesta nella testimonianza dei Vangeli e nella prassi della Chiesa apostolica. Analisi del testo nella Lettera di Giacomo.
  2. La Chiesa prolunga l’azione salvifica del Cristo: prassi liturgica fino al concilio di Trento (testimonianze liturgiche della Chiesa d’Oriente e d’Occidente e prassi monastica).
  3. Il concilio di Trento: definizione, struttura e importanza della cura per i malati e loro assistenza spirituale.
  4. Il concilio Vaticano II e il Rituale di Paolo VI. Il ritorno alla terminologia antica di «unzione degli infermi» piuttosto che «estrema unzione». Il segno sacramentale: l’olio benedetto il Giovedì santo quale segno di comunione ecclesiale. Il nuovo rituale: premesse e momenti celebrativi.

Ordine

  1. Introduzione: questione di teologia liturgica relativa al sacramento dell’ordine e l’azione ministeriale nella Chiesa.
  2. Prassi liturgica delle ordinazioni nella Chiesa antica d’Oriente e d’Occidente.
  3. L’antico rituale delle ordinazioni e il Rituale romano-franco.
  4. La Riforma del Vaticano II nei testi conciliari e nel Nuovo Rito delle ordinazioni di Paolo VI, nelle sue Premesse e nelle distinte celebrazioni di ordinazione di diaconi, presbiteri, vescovi.

Matrimonio

  1. Questioni introduttive: prassi liturgica del rito del matrimonio nella Chiesa d’Oriente e d’Occidente fino al medioevo. Il matrimonio medievale alle porte della chiesa. Il matrimonio in Occidente dopo il concilio di Trento.
  2. Il sacramento del matrimonio alla luce della riforma del Vaticano II nei testi conciliari, negli insegnamenti pontifici e nel Magistero: breve analisi introduttiva.
  3. Il rito del matrimonio del Vaticano II nella versione italiana dell’Editio Typica Altera dell’Ordo celebrandi Matrimonium del 2004: analisi delle premesse e delle singole sezioni celebrative.

Avvertenze

Saranno indicati altri testi o raccolte di testi liturgici e studi integrativi.

Docente

Paolo CALAON

Bibliografia

Adam A. – Haunerland W., Corso di liturgia, Queriniana, Brescia 2013; Augé M., , San Paolo, Milano 2003; Nocent A. – Scicolone I. – Brovelli F. – Chupungco A.J., Anàmnesis. Introduzione storico-teologica alla Liturgia, 3/1: La liturgia, i sacramenti; teologia e storia della celebrazione, Marietti, Genova 1986; Martimort A.G., La Chiesa in preghiera. Introduzione alla Liturgia, edizione rinnovata, voll. 1-4, Queriniana, Brescia 1984.