Descrizione

Diritto Canonico 3: Libri V-VII del Codex juris canonici

Obiettivi

Il corso vuole introdurre alla comprensione del diritto canonico tenendo conto della sua dimensione storica, sociale e teologica. In particolare, si presentano i contenuti e le fondamentali relazioni tra i Libri V-VI-VII del Codice di Diritto canonico del 1983 e i documenti del concilio ecumenico Vaticano II alla luce delle suddette materie.

Programma

Il corso vuole offrire un commento al libro V del Codice di diritto canonico, dedicato ai beni temporali della Chiesa, ovvero i beni che hanno un valore economico, necessari all’uomo in quanto vivente nel tempo e nello spazio, alla luce dei principi teologici che lo ispirano, dei documenti magisteriali e dei dicasteri romani che lo supportano, nonché gli atti del coetus incaricato della revisione della parte del Codice del 1917 relativa a detti beni.

L’esposizione si volge attorno a due grandi temi: quello biblico e quello della Tradizione e del Magistero della Chiesa.

Uno studio dei Libri VI-VII del Codice/83, ossia al diritto penale (recentemente rinnovato) e processuale della Chiesa, l’insieme delle norme istituite dalla Chiesa per la corretta amministrazione della giustizia, sia nel campo giudiziario (processi in stretto senso), che extragiudiziario (procedimenti amministrativi nei quali il «processo» assume un senso più vasto).

Docente

Daniele DRAGO

Bibliografia

De Paolis V., I beni temporali della Chiesa, EDB, Bologna 2019; Dicastero per i testi legislativi, Le sanzioni penali nella Chiesa. Sussidio applicativo del Codice di Diritto Canonico, LEV, Città del Vaticano 2023.