Descrizione del Corso di Laurea

Il ciclo di ricerca è destinato a perfezionare la formazione scientifica del candidato al dottorato. Questo scopo è raggiunto specialmente attraverso l’elaborazione della dissertazione dottorale. Il lavoro di preparazione di tale tesi scritta è sostenuto dal “Piano di studi per il ciclo al Dottorato”.

Gli iscritti al ciclo del Dottorato partecipano al Seminario metodologico per Dottorandi, che ha lo scopo di favorire la preparazione della dissertazione scritta. Il seminario si estende per la durata di quattro semestri e prevede le attività a questo scopo definite dal Consiglio di Facoltà nella Procedura per i Seminari dei Dottorandi. All’insieme di queste attività è riconosciuto un totale di 6,6 Crediti ecclesiastici / 10 ECTS / 80 ore.
Normalmente il Primo relatore della tesi scritta è uno dei professori stabili della Facoltà. Con il consenso del Preside, anche professori ordinari di un’altra Università ecclesiastica o civile possono essere direttori di tesi.
Il tema previsto per la dissertazione scritta, oltre ad avere il consenso del Primo relatore della tesi scelto dal candidato, deve essere approvato dal Collegio dei professori, previo placet della Commissione per il Dottorato (cf Regolamento art. 44 §5) che delegherà anche due Professori con l’incarico di seguire il lavoro, sebbene a distanza.
A questo punto il tema sarà iscritto presso la segreteria della Facoltà e sarà riservato allo studente per cinque anni. Lo studente, per conservare il tema oltre tale limite, dovrà ottenere la conferma del Preside, che la concede a richiesta del Primo relatore della tesi scritta, sentito il parere dei due professori incaricati di seguire l’elaborazione della dissertazione.

Il titolo di Dottore in Teologia è dato solo dopo la pubblicazione almeno parziale della tesi. Per la pubblicazione è necessario attenersi al giudizio dei due Relatori, che indicherà se la dissertazione può essere pubblicata interamente, o solo in parte (in questo caso, per un minimo di 120.000 caratteri, corrispondenti a circa 50 pagine), o con quali integrazioni o correzioni e se è necessario sottoporla nuovamente a revisione dei relatori.  Allo studente saranno comunicate anche le osservazioni, non vincolanti ai fini della pubblicazione, dei due docenti accompagnatori.
Una volta terminato il lavoro di revisione del testo, esso sarà sottoposto ai due relatori; dopo aver ricevuto il loro parere positivo, lo studente potrà procedere alla pubblicazione della tesi o del suo estratto, pubblicazione nella quale sarà inserito il Vidimus et adprobamus della Facoltà.

Requisiti per l’iscrizione

Per essere ammessi agli studi del ciclo per il dottorato in teologia è necessario aver ottenuto la Licenza. L’ammissione è inoltre condizionata dai seguenti prerequisiti:

  • la qualifica finale del II ciclo deve essere almeno magna cum laude (o equivalente)
  • deve essere attestata una buona padronanza della lingua italiana e di almeno tre lingue tra le seguenti: francese, inglese, spagnolo, tedesco. Occorre essere in grado di comprendere bene la letteratura teologica in tre di queste lingue
  • coloro che hanno compiuto studi teologici per il II ciclo in un’altra Università ecclesiastica o civile, se occorre, dovranno completare il numero di crediti che la nostra Facoltà esige (48 crediti), seguendo i corsi necessari e superandone gli esami con una media non inferiore a magna cum laude

I candidati che si presenteranno per il dottorato alla Facoltà Teologica dell’Emilia-Romagna senza esservi stati mai iscritti in precedenza, con l’aiuto del direttore per la dissertazione scritta, devono scegliere corsi o seminari equivalenti a otto crediti tra quelli offerti nel secondo ciclo della Facoltà; i relativi esami dovranno essere superati con una media non inferiore a magna cum laude.

Al momento dell’iscrizione al ciclo per il Dottorato, il candidato presenterà un piano di studi, da lui elaborato con l’aiuto del Primo relatore scelto per la dissertazione scritta. Tale piano deve essere approvato dal Preside.